TV Digitale Terrestre e liberazione Banda 700 MHz

La riorganizzazione delle frequenze, già avviata a livello europeo, prevede la liberazione della Banda 700 MHz e lo spegnimento di alcuni canali per ottimizzare l’utilizzo dello spettro delle frequenze, anche in funzione di nuove esigenze di comunicazione digitale che coinvolgono tutti i Paesi e che riguardano in particolare il segnale Tv digitale terrestre.

Un apposito Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 30 luglio (qui allegato) entra nei dettagli, mettendo in evidenza che esiste una road-map di coinvolgimento del territorio nazionale, prevedendo una serie di passaggi orientati a ottimizzare l’utilizzo delle frequenze e ad ottemperare le direttive concordate a livello nazionale e internazionale.

Il giorno 20 ottobre 2021 è quello stabilito a livello nazionale per un primo switch-off tecnico dei canali tematici della RAI (Rai yoyo, Rai Storia, Rai 5, Rai Scuola, Rai Gulp, Rai Movie ecc.).

Dal 20 ottobre i televisori che non ricevono i canali in alta definizione HD potranno continuare temporaneamente a ricevere Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News 24. Per ricevere gli altri canali Rai sarà necessario avere un televisore o un decoder in alta definizione HD. Tutti i televisori andranno comunque risintonizzati.

Molti degli apparecchi Tv diffusi nelle nostre case sono già compatibili con l’alta definizione HD ma, in alcuni casi, potrà essere necessario sostituire gli apparecchi obsoleti per continuare a guardare alcuni programmi Tv.

A questo proposito il Governo ha già stanziato le risorse per due forme di sostegno: un bonus rottamazione TV fino a 100 euro disponibile per tutti, ed uno destinato alle famiglie con un ISEE di fascia 2. I due bonus sono cumulabili.

La rottamazione può essere fatta presso il rivenditore, oppure presso l’Isola Ecologica del proprio Comune, compilando il modulo che autocertifica la rottamazione di un Tv acquistato prima del 22 dicembre 2018.

Tutte le informazioni supplementari sono disponibili sul portale tematico del MISE .